Piazza Taksim

Dentro di me c’è il dolore di un ramo dai frutti spiccati,
non scompare dai miei occhi l’immagine della strada che scende al Corno d’Oro,
è un coltello a due occhi piantato nel mio cuore
la nostalgia del figlio, la nostalgia di Istanbul.
Il distacco non si regge?
A noi la nostra sorte sembra tanto tremenda?
Invidiamo la gente?
Il bravo padre è in prigione a Istanbul,
il bravo figlio lo vogliono appendere
in mezzo alla strada in pieno giorno.
Per quanto mi riguarda qui sono libero
come la brezza o un canto popolare,
tu sei laggiù, piccolo mio,
ma sei ancora così piccolo che non potranno spedirti sulla forca.
Non diventi assassino il bravo figlio,
non muoia il bravo padre,
che per portare a casa il pane e gli aquiloni
hanno rischiato il cappio.
Uomini,
uomini buoni,
passatevi la voce da ogni angolo del mondo,
ditegli di fermarsi,
che non infili il cappio il giustiziere.

Nazim Hikmet


images_ index pt Turkish riot policeman prepares to use tear gas against woman as people protest against destruction of trees in park in Istanbul

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...